Dialetto

Chi de caglina nasce ‘n tera ruspa
chi nasce contadino rimane tale

Si so’ figli de catta acciàppeno i sorichi
se sono figli di gatto acchiappano i topi

Va a sape’ chi locca ‘ha covato
va a sapere quale gallina l’ha covato

‘N casa de gentiluomo prima nasce ‘a femmina e po l’omo

Beata chella casa che te’ ‘a chierica rasa
beata quella casa che ha un prete in famiglia

Chi ‘n te conosce male t’accatta
chi non ti conosce non sa

Da chi nun te’ figli nun ce i’ né p’aiuto e né pè consigli
non andare da chi non ha figli nè per chiedere aiuto nè per consigli

Male nun fa’ e paura ‘n ave’
non avere paura se non hai fatto nulla di male

Metti ‘n tera e spera ‘n Dio
coltiva la terra e spera in Dio

A ‘a vigna vacce e a ‘a bottega stacce

A’ gragnina spartisce a rasaletto
la grandine crea i viali

Quando sienti batte ‘o maglio prepara ‘a cipolla e pianta l’aglio

N’areccoglie né pane né mosto chi pota de maggio e zappa d’agosto

Vale più ‘n acqua tra abbrile e maggio che ‘na vetta de bovi co’ tutto ‘o carriaggio

‘O male ve’ a decine e s’arecoglie a once
il male viane in grandi quantità e se ne va piano piano

‘E pile rotte vanno sempre pe’ casa

E’ comme l’asino de Scarniccia: te’ 99 mali sott”a coda

Cent’anni pozza campà chi dice da ‘i a magnà, nun pozza campà ‘n ora chi dice che n’è ora

‘A ‘nsalata: poco’aceto e assai ogliata, co’ le mano smucinata

Chi tenze ‘o pane morì, chi tenze ‘o foco campà

E’ meglio che la panza crepa e no che ‘a robba se spreca

Chello che nu’ storza, ‘ngrassa

Trippa piena nun crede a digiuno

‘Ntra magnà, be’ e dormì ‘n tenemo ‘n’ora de tempo.

E’ più ‘mbreaco ‘a mmatina che ‘a sera

Chi pecora se fa, ‘o lope s”a magna

Sangue esce e giudizzio arentra

Chi d’atri se veste,presto se spoglia

De ‘n cappotto ce sèmo remeddiato ‘n bettone
da tanto sforzo poco risultato

‘A prescia è figlia d”a malagrazzia
la fretta è figlia della non-grazia

Fa più uno a levà che cento a portà

Quando piove chi sta drento nun se move; si se move e po se bagna bastonate si se lagna

Abbrile abbriletto, ‘gni giorno ‘n goccetto

‘O sole de marzo pela ‘e catte

Quando piove e tira viento nu’ ‘i a caccia che perdi tempo

Sole aregliùce,acqua areddùce

Dicembre: denanzi me scallo e dereto me ‘ngegne

O’ peggio ve’ areto
il peggio viene dopo

Natale co’ ‘o sole e Pasqua co’ ‘o tizzone

Aria roscia: o piove o zoffia

Comme te ietti, t’aretrovi
nessuno ti aiuta se cadi

Appezzuta i baffi come ‘o sorico

Te’ do’ labbra a piccoglioni come chelle de ‘a somara

Te’ ‘e recce calate come chelle dell’asino

Pensa comme ‘o caglinaccio de’ Sezze

S’allonga comme ‘na mazzacchera
si allunga come un lombrico

Gliè batteno ‘e panzette come chelle de ‘a gliucerda

Areficca ‘e corna comme ‘a ciammaruca

S’arebboticcia comme ‘n saettone
si raggomitola come un serpente

E’ scuro comme ‘na vocca de’ lope
è buio come la bocca di un lupo

Si più iotta tu che ‘a catta de San Bernardo

Va a ‘o vino comme ‘o moschino

Va sempre areto comme a coda d”o cane

Te gl’occi comme ‘n cecalòpe

L’avaro è comme ‘o puòrco : puzza da vivo e addora da muòrto

Co ‘ssi capegli me pari ‘na scopa sciota
con quei capelli mi sembri una scopa sciolta

E’ comme ‘a gragnina: ando’ va fa danno

E’ come ‘o sbuciafratte
è opportunista

Te’ l’ogna longhe comme chelle de ‘o zappo
ha le unghia lunghe come una zappa

E’ bianco comme ‘o sepporghero
è bianco come una tomba – cadaverico

Fa sotto sotto comme ‘e petata
fa le cose di nascosto, come quando nasce una patata

E’ giallo comme ‘na cocozza spagnola

Magna più isso che ‘na ‘poteca
mangia più di una ipoteca

Pare ‘o bammoccio de Menaccione

Te vesti comme Cioccio

Se squaglia comme ‘o Cristo de’ Cori

Stanno comme rota e cortello
sono in attrito tra loro

Uglie a callaroni
bolle molto

Me sto a concallà
mi sto sciogliendo dal caldo

Gl’ha fatto callafredda
ha fatto caldo e freddo insieme

Te’ ‘na lengua comme ‘na lavannara

Va sempre a galla comme l’oglio

E’ più birbo isso che ‘o sole che ‘n aresce ‘a mmatina

Se coce da sé comme l’acqua de spinaci

Si vo’ prova’ le pene degl’inferno fa’ ‘o fornaro d’istate e ‘a lavannara d’immerno

Tristo chi cade ‘n tera e chiede aiuto

Chi primo nasce, primo se pasce

Vaglio p’aiuto e trovo consiglio

Va’ co’ chi è meglio de ti e faglie ‘e spese
segui sempre le persone migliori di te

‘A robba male areposta è d’ ‘o cane e d’ ‘a catta

Chi la sera magna tutto, la mmatina canta ir cucco

Te si arefidata troppo tardi: nun so’ più tiempi de pelà li tordi

Panza piena vo’ reposo

Ando’ ce perdi tièmpo ‘n ce sprecà lo fiato

Chi n’tè gniente da fa scassa ‘a vigna bbona

Furbo comme ‘o cane d’Appiotti

A lavà ‘o capo all’asino: allogri ‘o sapone e sprechi l’acqua

Chi de ‘o sio se spodesta piglia ‘o maglio e daglio’ ‘n testa

Porta rispetto a ‘o cane pe’ via d”o padrone

Cuglio che ‘n ha vista mmai camicia, chella d’ardica gliè pare de seta

Cento mesure e ‘n solo taglio

Prima de mette lo punto fatte lo nnodro

Se crompa primo ‘o mmasto e po l’asino

Cristo manna ‘o freddo secondo i pagni
cristo manda il freddo secondo i panni che uno ha

Si trovato Cristo a mète e San Pietro areccoglie ‘a spiga
persona fortunata

‘A superbia ve ‘a cavallo e s’arecoglie a piedi

‘N se sa tene’ cecio ‘n mocca

Piglia de spunta comme ‘o vino a ‘o fiasco

Rosci e cani pezzati, ammazzeli appena nati

Te’ ‘a fortuna comme ‘o cane ‘n chiesa

A chi ‘ngne piace da lavorà o frate o sbiro se mette a fa’

Vale più ‘na cattiva mesata che ‘na bbona giornata

E’ meglio a crede’ che a prova’

Morte nun venga e guai a palate

E’ meglio a lavorà co’ chi ‘n te paga ch’a raggiona’ co’ chi nun te capisce

Meglio ‘na malacreanza che ‘n dolore de panza

E’ meglio a sta ‘n galera a pane e acqua che a fa cinquantanove a briscoletta

A morì e piove ‘n ce vo’ gniente

‘E nozze co’ i fonghi ‘n se pònno fa

Spartisci ‘n palazzo, addiventa ‘n cantone

Ce crompi ‘o spago e ‘o sapone

Chi ‘n ha da mori’ de ‘gni male campa

Me mise a fa o cappiellaro e nascènno tutti senza capo

“S’atro cazzo ‘n ce volea” disse chillo che sbattì ‘o capo a ‘o ciocco quando s’ ‘o portèa a pina
persona sfortunata

A ciovitta: beato ando’ s’apposa e tristo ando’ avarda

Tristo chillo sorico che se ficca sempre a ‘o stesso bucio

Botte e corna e quitara rotta

Vale più a sta attente che a lavorà

Co’ ‘o poco ce se campa e co’ ‘o gniente ce se mòre

‘A robba ‘n è de chi s’ ‘a fa ma è de chi s’ ‘a gode

Chi nun accetta nun merita

Fa bene e scordète, fa male e penzèce

‘O puòrco arefuta ‘a janna
il maiale rifuta le ghiande

Te puzza ‘o brodo grasso

Ando’ ‘n ce sta ‘o guadagno, ‘a remissione è certa

A’ ‘o pagliuco c’ abbadi e a ‘o travo no

‘A robba: ‘na generazzione ‘a fa, ‘n’atra s’ ‘a mante’ e ‘n’atra s’ ‘a magna

Stromenti uno e testamenti cento

Pe’ ‘mparatte a conosce ‘n cristiano te ce tie’ da magnà ‘n quintale de sale ‘nsiemi

Si birbo, jotto e mardivoto

‘A società è bella dispara ma tre gia so’ troppi

Asino e muglio caricheli ‘n cuglio

Chi amministra amminestra

Fa arescì ‘o sole ando’ gliè pare a isso
fa uscire il sole dove pare a lui

Morèno più agnelli che pecore

‘O giovine more ma ‘o vièccio te’ da morine

Nun so’ pe’ l’asino li confetti: manco le mela rosa so’ pe’ li puòrchi

E’ comme ‘o carbone: o te coce o te tegne

Disse Socrete a ‘e ranocce:”‘n so’ cianche chesse da portà stuali”

Nun se more de dolore ma co’ senti’ e vede’

Co’ si’ du’ bocchi ce vo’ caccia’ ‘o Papa da ‘a sedia

Trista chella panza che te’ ‘n cattivo padrone

De lo capo ‘n semo manco la coda

Chi te’ a mala vecina te’ ‘a mala mmatina
chi non ha un buon vicinato si sveglia male

E’ meglio a campa’ male che a morì bene

Morte desiderata, vita lònga

Te’ ‘na lengua che taglia e cuce

‘N te fa jetta’ ‘e biasteme che t’accogliéno
non gettare bestemmie che si rivoltano contro

Te fanno cegnere e pagni sporchi

A chi tocca ‘n s’aroscia

I sòrdi vanno a chi ‘n’i sa spègne ,e carte a chi ‘n’e sa gioca’

Minestra che nun coce nun ce zoffio

Aremane a fa’ i righi a ‘a cegnere
persona che rimane celibe/nubile

Beata chi appòlla bene ‘a prima sera

E’ comme ‘a sora Camilla:tutti ‘a vònno e gnisuno s’ ‘a piglia

Aria,governo e femmine: gnisuno gliè detta legge

Acqua passata nun macina mola

Cavogli arepassati e amanti aretornati ‘n furno mai bboni

Chi lavora a festa ‘n se guadagna l’oglio p’ ‘a minestra

‘sse cose stanno tutte a capo-cuglio

De sera ‘gni catta è nera

Più marche giri, più marchiciani trovi

E’ meglio ‘n morto ‘n casa che un marchiciano dereto ‘a porta

A’ catta che non potte ariva’ all’onto disse che sapèa de rancico

Chi arubba fa ‘n peccato, chi sospetta ne fa cento

Chi gira lecca e chi sta drento se secca
chi gira fa esperienze, chi non gira rimane sempre uguale

Quando ‘a formica vo’ morì mette l’ala

Fa come ‘a veccia: pe’ sta meglio qui giacio

Ariva a piglia’ ‘o pane all’arca
bambino che cresce

Va’ ‘n piazza e piglia consiglio; va’ ‘n casa e fa comme te pare

‘A moglie d’ ‘o ladro nu’ ride sempre

Tanto ha ditto e tanto ha fatto che c’ha lasciato ‘a zampetta

Ando’ ha fatto gl’istate va a fa’ l’immerno
dove trascorri l’estate fai anche l’inverno

Va pe’ frega’ e aremane fregato

‘A sera orsi e ‘a mmatina arsi

Co’ ‘n ‘ora Dio lavora

Dio fa’ ‘e montagne e ce fiocca, fa’ a gente e ‘a ‘ccoppia

Gesu Cristo ‘o sabbato nun paga ma ‘a domenica ha pagato tutti

‘O cane mozzica a ‘o stracciato

A chi gl’ha mozzicato ‘a glipra te’ paura d’ ‘a gliucerda
chi ha avuto il morso da una vipera ha paura pure della lucertola

Pe’ l’arbero che nun da frutto ce vo’ ‘a ‘ccetta

L’acqua va a mare

Tira più ‘n pelo de fica che ‘na vètta de bovi

Fa primo a passaglie ‘n capo che a giraglie attorno
persona grassa e grossa

Sant’Antogno, sarveme ‘o mmasto che l’asino me l’arefaccio

“Tanto tenèo da scegne” disse chillo che cadde dall’asino

Dunque dunque: è meglio ‘n pero che do’ prunghe

‘O muorto tace e ‘o vivo se da pace

Se sèra ‘na porta e s’arapre ‘n portone
si chiude una porta e si apre un portone

Disse a vorba a li suoi figli: “Vòte a tordi e vòte a grilli”
disse la volpe ai suoi cuccioli: “a volte mangiamo tordi e a volta grilli”

Quando che stemo ‘n piazza, ‘gnuno s’arencolla ‘o stannardo sio

Perdéte ‘na magnata de maccaroni e no ‘na risposta quando ce vo’

‘N s’abbence né a piedi né a cavallo
non si arriva a destinazione nè a piedi e nè a cavallo

Testa che nun parla indica cocozza
chi non parla puo’ dare l’impressione di essere poco intelligente

Piglia l’ome secondo ‘o vizzio

Appizza ‘e recce comme l’asino

‘O più conosce ‘o meno

I più pogliti ténno ‘a rugna
il più pulito ha la rogna

I fatti d’ ‘a pila ‘i sa ‘o cupercio

Chi arecconta tutto a lo marito addiventa ‘n serpe de canneto

Spacca ‘o pane e fatte ‘o panondo
taglia il pane e fai la panzanella

‘A robba d’avaro s’ ‘a magna ‘o sciampagnone

Co’ ‘sso frizzico de’ robba c’accrocchi a trappoglia
con quella poca roba puoi farci una trappola

Co’ tutto chesso me ce atturo ‘n diente
con questa poca roba mi ci otturo un dente

‘O sparagno è der diaveglio
il risparmio è del diavolo

Spacca gl’occio a ‘o pucio
persona precisa

Si vo’ tene’ sembre ‘a saccoccia netta crompete lo tabacco e la doppietta
se vuoi avere sempre le tasche vuote fuma e va a caccia

Te fa levà ‘a sete co’ ‘o preciutto
persona che ti fa pagare tanto le cose

C’ariva co’ ‘e mazze a tracuollo
arriva con le “mazze” (intestino) al collo per la fatica

Sémo aremasi comme don Farguccio: co’ ‘na mano denanzi e una deréto

Magna che der tuo magni

Tiémpo passato glié se dice addio

Bovi pasci e campana sona

Chillo è uno che ‘n’è bbono né a parla’ né a stasse zitto

Areccommanna ‘e pecora a ‘o lope
da cattivi consigli

Chi ‘n è bbono pe’ sè, né bbono manco pe’ l’atri

Dorme co ‘o capo a ‘o sacco

Quando ‘r diaveglio t’accarezza vo’ l’agnima

‘A catta ‘n credenza fa chello che pensa

“E dova!” disse chillo che caccéa gl’occi a ‘o padre
“e due!” disse colui che cavo’ gli occhi al padre

Te metto gl’occi ‘n mano comme Santa Lucia

Si a Velletri ce fiocca, ‘a Rocca s’ ‘a porta
se a Velletri nevica, a Rocca di Papa c’è la bufera

‘A fame mia ‘n te’ gnente a che vede co’ chella tia

Tu magni e ‘r diaveglio gnotte
persona magra

Trista chella scifella che sette mano drento rastrella

‘Nmece de piagne ‘o pesce piagne ‘a padella
poca roba da cuocere

Va pe’ salute a ‘o spedale

Te credi d’aricca’ Cristo co ‘n padrenostro

Va ‘n cerca de francesi ammalati

“Va nuveglio e puzza de cacio” disse chillo che ‘nmece d’arapri’ ‘a finestra arapri’ ‘a credenza

Che te pozza abbacia’ l’orso

Te pozzi ‘nfrocià a ‘n arbero de’ puzziche

Te faccio do’ labbra comme chelle de Ceccòla

Te pozza venì a formichella ‘n ponta all’ogna

Te pozza vestì Cecco d’Emigliuccia

Te pozzeno da’ ‘n’arcabbuciata

Te pozzi scapicollà

Te sbucio comme ‘pelliccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...