Mast Jack

http://maxspar.it/sartiame.htm

Regolazione Mast Jack

L’utilizzo del pistone di sollevamento e’ un sistema molto utile ed efficace per la regolazione dell’albero, applicando però il carico senza attenzione si può danneggiare l’aberatura e la struttura della barca. Per imbarcazioni di grandi dimensioni si puo’ affermare che il sistema e’ indispensabile per la corretta regolazione.

Il carico max da applicare al pistone non deve mai superare il 20% del carico max amissibile sulle sartie e deve essere specificato per ogni imbarcazione dal costruttore.

Dati importanti da sapere per regolazione del pistone (mast Jack)

  • area in cm2 del pistone di sollevamento dove olio applica la pressione.
    (dato scritto sul pistone o comunicato dal costruttore)
  • sulle pompe idrauliche ci sono monometri con due unita di misura per conoscere la pressione di lavoro: psi o bar
    1 psi=0,0069 bar moltiplicando i bar del manometro per sezione del cilindro i cm2 si trova il carico di lavoro in kg del pistone.

Esistono due sistemi di sollevamento albero tramite Mast Jack:

  • il primo con barra passante e due pistoni di sollevamento laterali
    all’albero e collegati in parallelo alla pompa.
  • il secondo un pistone unico fisso all’ interno dell’ albero collegato ad una pompa
    manuale o tramite un by pass con dei rubinetti collegato alla centralina in barca .
  • gli spessori possono variare di altezza a secondo dell’ elasticita’ della struttura e della deformazione della barca.
    Non esiste una regola fissa il buon senso e le prove di carico permettono di trovare la regolazione ideale.

Accertarsi che il piede albero in condizioni di appoggio su spessori tocchi su tutto il perimetro sia a poppa che a prua per distribuire il carico uniformemente su tutta la superficie del profilo.
Nel caso in cui la zona di contatto sia solamente verso prua o verso poppa, modificare gli spessori a forma di cuneo in modo tale che il carico compressione albero sia uniformemente distribuito.

NON UTILIZZARE MAI SOTTO VELA IL PISTONE DEL MAST JACK PERCHE’ I CARICHI DEL PISTONE SI SOMMANO AL CARICO DELLA ALBERATURA IN NAVIGAZIONE CON POSSIBILITA’ DI SUPERARE I CARICHI DI LAVORO CON POSSIBILI DANNI PER STRUTTURA IMBARCAZIONE ED ALBERATURA.

(danni possono essere:
sfondamento base albero,rottura zona lande,delaminazione di parti interessate alle zone di forza attacchi sartie ed altri)

Suggerimenti per la manutenzione degli alberi:

Tutte le alberature sia da regata che da crociera hanno bisogno di una periodica manutenzione.

Come per le auto è necessaria la manutenzione al motore ogni 10000-15000 km, o per gli aerei viene fatta regolare manutenzione ogni 30000 h di volo(smontaggio totale) o ogni 60 mesi .
Seguendo la  stessa logica ogni 3-4 anni bisogna disalberare smontare il sartiame e controllare sia le parti in acciaio ad alto carico,le puleggie i perni ed gli attacchi.

Un discorso diverso deve essere fatto per il sartiame .

Lo smontaggio del sartiame, la pulizia dei pezzi ,la rimozione dell’ossido,ilcontroolo visivo la ricerca di cricche  sono le prima regole per un controllo accurato.

Il sartiame va controllato accuratamente sui terminali, devono essere integri, senza cricche o rotture.
Bisogna inoltre controllare che i trefoli non siano rotti o che non ci sia usura nelle parti di contatto.

Alcune volte però, questi accorgimenti non bastano.

Gli accessori del sartiame sono soggetti a diversi  tipi di sollecitazioni, alcune molto difficili da riconoscere. Immaginate un pezzo di filo di ferro che sollecitato sia in un senso che nell’altro dopo alcuni cicli si rompe, il sartiame anche se in modo diverso, e’ sottoposto allo stesso principio.

Per capire meglio il problema si assume come unita di misura un numero di cicli(40000) che i terminali possono sopportare e questo dipende da diversi fattori: dal tipo di utilizzo del sartiame e dall’invecchimento del materiale e dalla qualita’ .

Il sartiame deve essere cambiato se barca naviga continuamente per due o tre anni o in un periodo di dieci anni con un utilizzo di circa due mesi in un anno.

Non ci sono formule o calcoli da fare, nel tempo il materiale invecchia cambia la sua struttura e si puo’ rompere improvvisamente.

La sollecitazione a fatica non si misura si calcola statisticamente.

Anche per il cavo spiroidale e per il tondino vale lo stesso principio.

Per alberi di alluminio di età superiore ai 20 anni  bisogna considerare che il periodo di utilizzo è arrivato all’80% del loro vita. Questo puo’ dipendere dallo stato di ossidazione dal tipo utilizzo,dalla manutenzione effetuata.Alluminio  nel tempo non è stabile dal punto di vista metallurgico in ambiente salino tutto questo complica e riduce la vita di utilizzo dell alberature.

Tutto questo rientra nella ordinaria manutenzione che ogni armatore dovrebbe eseguire nei contronti dell’alberatura ed attrezzatura velica  per poter utlizzare in sicurezza la sua imbarcazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...