Tabasso e Longanesi

Copio di sana pianta il post del blog http://andreacarancini.blogspot.it/2012/02/il-giudizio-di-leo-longanesi-e-di.html

Il giudizio di Leo Longanesi e di Franco Tabasso sugli esuli antifascisti

Quando ho letto il (mordace) giudizio di Leo Longanesi sugli esuli antifascisti che sto per proporre, ho avuto un dubbio: quello che forse tale giudizio fosse il frutto di un’idiosincrasia soggettiva. Poi però mi sono ricordato di un analogo giudizio: quello espresso da Franco Tabasso nel suo Su onda 31 Roma non risponde, uno dei libri più censurati del 900 italiano[1], pubblicato – e fulmineamente sequestrato – dieci anni dopo quello di Longanesi. Così li propongo entrambi, come frutto di due fonti indipendenti, che tra loro mi sembra abbiano poche cose in comune a parte, appunto, l’indipendenza di giudizio. E che avvalorano, sia pure da una visuale agli antipodi, il giudizio di una terza fonte indipendente, quella costituita da Amadeo Bordiga quando parlava di “tumore” dell’”antifascismo londrista e atlantico”[2].

Leo Longanesi [3]:

20 novembre [1944]
ll Comitato antifascista che abita nel piano sopra al nostro ha una buona biblioteca, requisita al padrone di casa. Chiediamo di prendere qualche volume, per leggerlo. G. e gli altri mostrano una certa ostilità a questa richiesta, non per timore che non si restituiscano i libri, il che avverrà certamente, ma soprattutto perché temono che noi si legga quei libri ch’essi non leggeranno mai.
L’antifascismo è molto meschino, fatto di queste piccole ostilità, di questi ripicchi. Il clima che si respira qui a Napoli è quello dei collegi e delle sacrestie. La maggiore preoccupazione degli antifascisti è quella di non allargare la propria cerchia, per timore che altri possano dire o fare qualcosa a cui essi non hanno pensato; e custodiscono i loro meschini sogni di vendetta con l’astio e il moralismo delle vecchie zitelle contro le giovani spose.
Quelli giunti dall’America o dall’Inghilterra, dopo anni di esilio, per lo più volontario, sono ritornati con la stessa mentalità con cui partirono, gli stessi principî già invecchiati, gli stessi ordini del giorno in saccoccia, e persino lo stesso cappello. Le loro voci, i loro gesti, quel particolar sussiego di chi ha tanto errato per la libertà testimoniano, anche all’uomo meno scaltro, la loro sfrenata ambizione. Pettegoli e piccoli borghesi, benché ostentino un linguaggio rivoluzionario, e abbiano viaggiato il mondo e vissuto fuori d’Italia per circa venti anni, conservano modi e preconcetti provinciali. Il fascismo, per costoro, è un nemico personale, non un avversario; un nemico da cui sono stati privati per venti anni di potere, di cariche, di privilegi, vent’anni che nessuno potrà ora restituire loro. E il loro moralismo è così meschino e cieco che li priva d’ogni libertà di giudizio; non vedono oltre il naso dei loro piccoli programmi, dei loro brevi opuscoletti, della loro sparuta conventicola, e si comportano come i superstiti di una civiltà perduta, i depositari di un verbo che essi soli conoscono e che non rivelano per paura di far proseliti. Ma quel che essi non sanno, è che parlano lo stesso linguaggio demagogico del fascismo; e quel che essi vogliono costruire in Italia è stato all’incirca fatto dal fascismo, solamente con più violenza e meno metodo.
Se togliete loro la qualifica di « antifascisti » rimarrà ben poco, perché essi vivono in virtù del nemico. L’Italia è qualcosa di astratto che ben poco li interessa, tutto al più un campo di battaglia, che dico, un parlamento, una piazza, una sala da comizi, uno sfondo sul quale rappresentare la grande commedia democratica che stanno preparando da anni. Non li vedrete mai interessarsi a un preciso problema, economico o politico, non li vedrete perder tempo a segnarsi un appunto su una delle tante penose e insolute questioni del popolo napoletano; passano fra le rovine di questa città, nelle vie tristi e sudice, fra putridi mucchi d’immondizie, bimbi scalzi e denutriti, donne e uomini fradici di miseria e di malattie, passano senza volgersi, con le loro carte sotto il braccio in fretta, senza perdere un attimo. Nulla li interessa; quel ch’essi vi diranno, se li interrogate, è che il fascismo è colpevole di tutto. Inutile contraddirli; trent’anni fa, la miseria qui era colore locale, sano, allegro, variopinto colore napoletano, spunti per le curiosità partenopee del senatore Croce; oggi, quella stessa disperata miseria è frutto del fascismo.

Franco Tabasso [4]:
Durante il secondo conflitto mondiale, gli italiani hanno avuto soprattutto paura dei bombardamenti indiscriminati anglo-americani. Fa più paura colui che uccide a sangue freddo, di colui che ammazza nell’ira.
Ma sorvoliamo.
L’Italia non prese in esame la pace separata offerta dall’Inghilterra all’inizio del 1943 perché alcuni uomini vi si opposero.
Si trattava di quegli uomini che, secondo loro, avevano tanto lottato per la Patria oppressa, diventando rauchi ai microfoni della BBC, o di Washington, o di Mosca o di Praga.
Avevano versato fiumi d’inchiostro in tutte le lingue, per aprirsi il varco verso il Quirinale, il Viminale, Montecitorio e Palazzo Madama.
Mussolini li aveva allontanati.
Essi dovevano tornare a cavallo della propagandata libertà.
L’Inghilterra li aveva incoraggiati e aiutati in questa rivendicazione per vincere la nostra resistenza militare.
Ma la resistenza dell’Italia cadeva come spada di Damocle sulla lungimiranza di Churchill. Lo statista inglese voleva Mussolini umiliato e vinto, ma non distrutto. L’eterogenea combinazione della quinta colonna italiana voleva Mussolini distrutto!
(…)
Si voleva dare il governo al patriarca del Kremlino nell’impossibile sogno dell’imperialismo sovietico.
Si voleva dare il governo agli americani nella impossibile speranza di aggregarsi al Texas e al Minnesota, aggiungendo qualche stella alla bandiera del dollaro.
Ma soprattutto si voleva dare il governo a se stessi.
Questa è la verità. Non è polemica. È realtà.
Gli uomini della « libertà », oggi, governano l’Italia! Ad ogni costo.

[1] http://andreacarancini.blogspot.com/2010/06/messaggio-in-bottiglia-per-gli-eredi-di.html
[2] Il giudizio in questione venne espresso nell’articolo Borghesia italiana fellona. In rete: http://www.quinterna.org/archivio/filitempo/009_1949_borfellona.htm
[3] Da Parliamo dell’elefante, Milano, 1947, pp. 187-190.
[4] Da Su onda 31 Roma non risponde, Città di Castello/Taranto, 1957, p. 251.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...