Cosa sono il Nazional-Socialismo e il Fascismo

Se qualcuno si fosse preso la briga di leggere il VERO Mein Kampf, edito soltanto a partire dal 2016, perchè fino ad allora i diritti d’autore erano detenuti dal Land di Baviera che ne aveva vietata la diffusione a causa del suo “alto potenziale evocativo”, capirebbe senza il minimo indugio che il Nazional-Socialismo e il suo omologo Fascismo si possono descrivere con questa splendida definizione data dal musicologo Luigi Magnani a riguardo dell’ideale Romantico:

« Il nuovo regno, vagheggiato dai romantici come una nuova età dell’oro, se significava affermazione della libertà e della fraternità umana, esaltazione di tutti i valori dello spirito, appariva nondimeno quale ritorno agli ideali della Grecia antica […] Il diffuso umanesimo, mirante alla riconquista della integrità dell’uomo, poneva i poeti, i filosofi e i tragici greci quali modelli supremi e auspicava l’avvento dello «stato di natura», non inteso come primitiva selvaggia barbarie, ma come mitica “Arcadia” in cui la natura divinizzata si identificava con l’Ideale («Ideale è ciò che è Natura» diceva Hölderlin) ed in cui l’uomo, in accordo pieno con la società, avrebbe potuto attuare quella armonia degli spiriti che, per il poeta di Hyperion, avrebbe segnato l’inizio “di una nuova storia del mondo”, di un rinnovamento della umanità. »

Lo stesso spirito si trova ovviamente nella Nona Sinfonia di Beethoven:

« O amici, non questi suoni!
ma intoniamone altri
più piacevoli, e più gioiosi.

Gioia, bella scintilla divina,
figlia dell’Elisio,
noi entriamo ebbri e frementi,
celeste, nel tuo tempio.
Il tuo fascino riunisce
ciò che la moda separò
ogni uomo s’affratella
dove la tua ala soave freme.

L’uomo a cui la sorte benevola,
concesse il dono di un amico,
chi ha ottenuto una donna devota,
unisca il suo giubilo al nostro!
Sì, chi anche una sola anima
possa dir sua nel mondo!
Chi invece non c’è riuscito,
lasci piangente e furtivo questa compagnia!

Gioia bevono tutti i viventi
dai seni della natura;
vanno i buoni e i malvagi
sul sentiero suo di rose!
Baci ci ha dato e uva,
un amico, provato fino alla morte!
La voluttà fu concessa al verme,
e il cherubino sta davanti a Dio!

Lieti, come i suoi astri volano
attraverso la volta splendida del cielo,
percorrete, fratelli, la vostra strada,
gioiosi, come un eroe verso la vittoria.

Abbracciatevi, moltitudini!
Questo bacio vada al mondo intero!
Fratelli, sopra il cielo stellato
deve abitare un padre affettuoso.
Vi inginocchiate, moltitudini?
Intuisci il tuo creatore, mondo?
Cercalo sopra il cielo stellato!
Sopra le stelle deve abitare!

“Gioia” si chiama la forte molla
che sta nella natura eterna.
Gioia, gioia aziona le ruote
nel grande meccanismo del mondo.
Essa attrae fuori i fiori dalle gemme,
gli astri dal firmamento,
conduce le stelle nello spazio,
che il canocchiale dell’osservatore non vede. »