AutoCAD non stampa

http://knowledge.autodesk.com/support/autocad/troubleshooting/caas/sfdcarticles/sfdcarticles/Cannot-print-transparent-objects-with-HP-plotters.html

in AutoCAD Architecture 2012 ci sono problemi per stampare con le trasparenze: il driver è incompatibile e/o manca la RAM al plotter, il processo di rasterizzazione del file sul plotter fallisce.

Cannot print transparent objects with HP plotters

Oct 31, 2014

 

Issue:

When trying to plot a drawing in Autodesk® AutoCAD® (or any vertical application such as Autodesk® AutoCAD® Civil 3D® 2014) containing objects with transparency or layers with transparency on a HP plotter, the plot process does not start nor you receive an error message.

Causes:

The issue could be caused by the large size of the drawing and not enough Plotter memory.
Even though if only a small part of the drawing is set to transparent the transparency will be processed for the whole plot area consuming a large amount of memory.

Solution:

In order to solve this issue make sure that following steps are done:

  • Update to the latest plotter drivers available on the manufacturer website or install the generic drivers
  • In the Printer Properties (Windows Start -> Devices and Printers) open the Advanced Tab and bypass the printer spooler with selecting the Option “Print directly to the printer
  • Recreate the .pc3 file related to this plotter and print with reduced resolution (DPI)
  • As a workaround create a PDF of the DWG first and then plot the PDF

in mancanza di soluzioni migliori, bisogna passare per il formato PDF o per il DWF e poi plottare.

http://forums.autodesk.com/t5/autocad-2013-2014-2015/autocad-not-printing/td-p/4557525

Plotting with transparency means that AutoCAD can’t send vectors to the plotter, AutoCAD has first to render to a raster-image and after that is finished AutoCAD sends the raster-image to the printer.
To do that AutoCAD needs more memory on the local workstation and it needs more memory on the printer, either of those is the reason why it fails. One option might be possible to reduce the memory requirement is to reduce the resolution within the printer-/plotter driver, so if you have the option e.g. to reduce the resolution from let’s say 600dpi to 300dpi the memory needed would go down by 75%.

>> Our new Xerox is 2GB, page memory of 1GB… but it is failing to work…
Depends also from compression and color-depth (and maybe alpha channel) that is used for creating/transferring the raster information.

I would try to
a) search for other drivers, if that does not help then
b) you might use the workaround for plotting including transparency to print to DWF and then from DWF to the printer (PDF is also possible, but I do prefer DWF).

Per stampare un DWF conviene utilizzare il software gratuito Autodesk Design Review.

http://forums.autodesk.com/t5/autocad-2010-2011-2012/plot-transparency-and-pdfs/td-p/3052308

Transparency was one of the most popular requests from customers to be able to do in ACAD over the years—and it was not introduced into the product for many years because of the printing slowdown issues.

Information from the engineers very often was that we had spent a lot of work optimizing our files to print as vector files—and that vector will print a lot faster than Raster plots. When we use transparency in a drawing, the whole drawing is turned into a raster plot—even though the stored file is not that much bigger.

During the most recent design cycle, our development team did a lot to improve the raster printing speeds and memory issues—but it was still a lot slower than vector printing.

Because of the slowness, we had to add the ability to turn off transparency for printing for drawings if it was necessary—the transparency would still show up on screen, but not when printing.

Try unchecking ‘Plot Transparency’ in the plot dialog.

AutoCAD: impostare un nuovo disegno (appunti)

  1. impostare le unità: si usa il comando UNITA, e metto ad esempio “metri”, cioè ogni unità di disegno è pari ad un metro “reale”.
    autocad-impostazioni-disegno
    La figura si riferisce ad AutoCAD2012 Architecture, in cui c’è una corrispondenza tra le “unità di disegno” e la scala di stampa.
    Invece in AutoCAD 2011 questa corrispondenza non c’è, e quindi bisogna gestire le scale con un po’ di attenzione in più.
    In AutoCAD 2011 non è neanche necessario specificare le unità con il comando UNITA: infatti manca il campo “unità di disegno”
    unita
  2. impostare la “scala di stampa”. Lavorando con 1 unità = 1 metro:
    • in AutoCAD 2012 Architecture bisogna distinguere: nell’ impostazione pagina diciamo 1 mm = 1 unità, cioè facciamo corrispondere l’ unità dello spazio carta con il millimetro (quindi la scala 1:1), ma il sistema sa già che nello spazio modello 1 unità = 1 metro ed imposta la scala ad 1:1000.
      autocad-imposta-pagina
    • Invece in AutoCAD 2011 non c’è corrispondenza tra unità disegno ed unità reali: dunque dobbiamo specificare manualmente la scala : se per noi l’ unità di disegno è pari ad 1 metro, in “Gestione impostazioni pagina” dobbiamo specificare 1000 mm = 1 unità
      stampa

    In entrambi i casi abbiamo fatto sì che ci sia una corrispondenza 1:1 tra le unità reali (in questo caso: metri) e l’ unità di disegno, nello spazio carta.
    In altre parole: quando si imposta la pagina, qualunque sia la scala del disegno, dobbiamo fare in modo che le unità di disegno vengano riportate ai millimetri equivalenti, cosicchè il disegno venga rappresentato a grandezza reale nello spazio carta.

  3. ora si scala il disegno nella scala desiderata per la stampa: per prima cosa si crea una finestra di stampa con il comando FINESTRE.
    Poi si imposta per ciascuna finestra la rispettiva scala di stampa.
    Avendo disegnato in metri, potremmo voler stampare a 1:100 o 1:200.
    Basta specificare questa scala per la finestra, che il disegno verrà “zoomato” nella scala giusta, e tutti gli oggetti annotativi saranno correttamente rappresentati.
  4. impostare gli stili di testo e le quote come “annotativi”: in questo modo possiamo stampare in qualunque scala quotando una volta per tutte.
    modificare le dimensioni degli stili di testo e di quota in base alle unità di stampa.
  5. impostare la scala delle linee tratteggiate (cioè la “scala del tipo di linea”), variabili di sistema MSLTSCALE e PSLTSCALE:
    • MSLTSCALE controlla il comportamento delle linee nello spazio modello: se impostato a 1, cambiando la scala di disegno cambia la scala del tratteggio (secondo me è l’ impostazione migliore, per visualizzare come verranno stampate le linee)
    • al contrario, PSLTSCALE impostato a 1 rende le linee tratteggiate invariabili al variare della scala nello spazio carta (comportamento secondo me desiderabile in molti casi)
  6. impostare lo spessore linea di default: variabile LWDEFAULT con lo spessore espresso in centesimi di millimetro. Nell’ ’ambito di un elaborato grafico si devono usare solo tre spessori di linea fra loro in rapporto 4:2:1. Le linee corrispondenti sono definite dalla norma, rispettivamente, extra-grosse, grosse e fini. Ad esempio, se si sceglie lo spessore 0.15 mm per le linee fini, le linee grosse ed extra-grosse dovranno avere spessori pari, rispettivamente, a 0.30 mm e 0.60 mm.
  7. le tabelle di stili di stampa sono di due tipi: le tabelle di stili di stampa con nome (memorizzate in file STB) e le tabelle di stili di stampa dipendenti da colore (memorizzate in file CTB).
    Personalmente, al contrario di molti, preferisco gli stili di stampa STB: disegno con i colori che voglio e imposto gli spessori per oggetto o per layer senza problemi, mi basta solo cambiare lo stile di stampa per ogni oggetto. Ecco una guida interessante per gli stili STB:

    Con l’arrivo di AutoCAD2000 è stato mantenuto il concetto di “colore a video –> corrispettivo colore e spessore di stampa” utilizzando gli “stili di stampa dipendenti dal colore” (con estensione *.CTB), ma è stata anche introdotta la grandissima novità degli “stili di stampa per nome” (con estensione *.STB) che finalmente interrompono il forte legame che era presente tra colore a video e relativo colore e spessore di stampa.

    gli “stili di stampa con nome”: utilizzati solo da una piccola nicchia di disegnatori CAD, ma decisamente più potenti rispetto i primi, consentono di associare “il colore di stampa e lo spessore di stampa” direttamente ad una variabile (il cui nome può essere scelto dall’utente) la quale può essere successivamente assegnata ai layer e addirittura ai singoli oggetti presenti nel file di disegno. Se ne ricava pertanto che allo stesso colore a video (sia esso assegnato al layer oppure forzato ad un oggetto del disegno) è possibile associare infinite caratteristiche di stampa in quanto quest’ultime non sono associate a colore ma direttamente ai layer o ai singoli oggetti.

    Andare nelle opzioni, comando OPZIONI o dal menu, e in “Stampa e pubblicazione” andare in “Impostazioni tabella stili di stampa…” per impostare lo stile di stampa di default: da colore o con nome.

Testo delle quote AutoCAD

Testo di quota fornito dall’utente

Oltre ai prefissi e suffissi specificati per le unità primarie e alternative, è possibile fornire un testo personalizzato durante la creazione di una quota. Poiché il prefisso, il suffisso e il testo fornito dall’utente formano un’unica stringa di testo, è possibile rappresentare pile di tolleranze e apportare modifiche a font, dimensione del testo e altre caratteristiche tramite l’editor di testo.

Per aggiungere testo personalizzato sopra e sotto la linea di quota, utilizzare il carattere di separazione \X. Il testo che precede tale carattere viene allineato in corrispondenza con e sopra la linea di quota. Il testo che segue il simbolo \X viene allineato in corrispondenza con e sotto la linea di quota. Lo spazio tra la linea di quota e il testo viene determinato dal valore digitato in Intervallo nella finestra di dialogo Annotazione.

Esempio: testo dell’utente nelle quote

In questo esempio, la misura della quota primaria è 5.08, mentre quella alternativa è 2.00. Le unità primarie presentano il suffisso H7/h6, mentre quelle alternative presentano il suffisso inches.

Al messaggio che richiede l’immissione di testo durante la creazione della quota, digitare la seguente stringa di formato:

<> H7/h6\XSee Note 26\P[ ]

Le parentesi angolari rappresentano le unità primarie mentre le quadre indicano le unità alternative. Il simbolo \X separa il testo sopra alla linea di quota da quello che si trova sotto. Il simbolo \P indica il nuovo paragrafo.

AutoCAD – altri appunti

Plottare

Per portare un file a plottare, mi definisco una stampante PDF con le dimensioni del rotolo di carta del plotter:
Da “Gestione Plotter” si apre la cartella “Plotters”; avvio “Autocomposizione Aggiungi plotter”.
Lo creo su “Questo computer” (ovvio), seleziono il modello “Autodesk ePlot (PDF)” con “DWG a PDF”, poi NON importo alcun file, quindi lascio selezionato “Stampa su file”. Alla fine inserisco un nome qualunque.
Dopo aver creato il “plotter”, vado a “modifica configurazione plotter….”: in “Dimensioni foglio personalizzate” scelgo “Aggiungi”; “Inizia da zero”, inserisco larghezza e altezza pari a 914 e 1350 rispettivamente, imposto a zero tutti i margini, e infine scelgo un nome per questo formato.
Salvo il file.

Adesso, dopo aver fatto i layout, mi basta stampare in un file PDF da portare a plottare.

Cartiglio

Il cartiglio non è altro che un disegno nello spazio modello.
Siccome i cartigli vanno messi soltanto nei layout, conviene disegnarli direttamente in millimetri.
Per fare pulizia, oltre al comando ELIMINA bisogna curare i layer: questi verranno importati insieme al cartiglio.
Una volta che il cartiglio è pronto, salvarlo in un file.dwg .

Per inserire il cartiglio in un layout, basta inserirlo come blocco selezionando il file.dwg .

Per inserire lo stesso cartiglio negli altri layout si può usare il comando INSER o copia/incolla.

Formato carta

Normalmente il rotolo di carta del plotter è alto circa 90 cm (un pò meno).
Il cartiglio deve essere pensato come un “mosaico” di fogli A4 disposti in verticale: poichè l’ altezza di un A4 è 297 mm , possiamo fare il cartiglio alto 891 mm , pari a 3 fogli.

Per quanto riguarda la lunghezza, in genere non ci sono limiti, dato che il foglio può essere tagliato dove vogliamo.
Però, per piegarlo come un A4 dobbiamo fare lo stesso ragionamento: per fare 5 pieghe disegniamo il cartiglio lungo 1050 mm, per 6 pieghe 1260 mm (un A4 è alto 210 mm).

AutoCAD – appunti sparsi

PURGE apre una finestra di dialogo che permette di vedere quali entità sono inutilizzate e cancellabili.

ELIMLAY serve a cancellare i layer che non si eliminano direttamente.

SOLVIEW serve a definire una sezione di un solido 3D direttamente in un layer di stampa.
Con SOLDRAW la si disegna: unico difetto, la sezione è un disegno 2D su 3 nuovi layer :-(( che compaiono anche nella vista modello.

AutoCAD – disegno 3D

Elenco di comandi utili:

  • Estrudi: serve a generare un solido a partire da una figura piana, facendola traslare.
  • Sottrai: serve a togliere un volume da una figura tridimensionale che lo contiene.
  • Ucs faccia: serve a spostare l’ UCS su una faccia di un solido.
  • Rivoluzione: come “estrudi”, ma per generare un solido di rivoluzione.
  • Unione: unisce 2 solidi in un unico solido.