Beccacce al ginepro

http://www.buonissimo.org/lericette/8312_Beccacce_al_ginepro

Il vino da abbinare a questa ricetta è un Sassicaia o un barolo.

Ingredienti

  • 2Beccacce pulite da 400 g l’una
  • 100 gBurro
  • 12Bacche di ginepro
  • 1 dlAcquavite di ginepro
  • 2 ramettiTimo
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe

Preparazione

Pestate le bacche di ginepro nel mortaio riducendole in poltiglia. Amalgamatene 1/3 con 40 g di burro ammorbidito, a temperatura ambiente e formate 2 palline; mettetene 1 dentro ogni beccaccia. Aggiungete anche 1 rametto di timo lavato per insaporire.

Mettete il restante burro in un tegame e, a fuoco vivo, fate rosolare uniformemente le beccacce, girandole delicatamente con l’aiuto di 2 cucchiai.

Continuate la cottura a fuoco moderato e dopo circa 10 minuti insaporite con un pizzico di sale e una generosa macinata di pepe e spolverizzate con il resto delle bacche pestate.

Proseguite per altri 10 minuti e, a fine cottura, scaldate l’acquavite, versatela sulle beccacce, fiammeggiate e portate a tavola.

Crema pasticcera

http://www.cremapasticcera.it/

Ingredienti

Latte, 500 ml
Zucchero, 150 g
Farina, 50 g
Uova, 6
Vanillina, 1 bustina

Ricetta per 4 persone
  • Prima di tutto prendete un pentolino medio e mettetevi dentro tutto il latte mettendone da parte solo mezzo bicchiere, vi servirà nella fase finale.
    Versateci dentro anche la vanillina, ma se avete un baccello di vaniglia estraetene i semini interni e metteteli dentro il latte.
    Fate scaldare a fiamma media e spegnete non appena comincia a bollire.
  • Nel frattempo in una ciotola mettete dentro solo il rosso delle uova insieme allo zucchero e, aiutandovi con un frustino elettrico, sbattete per bene il tutto.
  • Continuate a sbattere fino a quando non avete ottenuto una crema omogenea e spumosa.
  • Il latte nel frattempo si è raffreddato un po’, prendetene un terzo e versatene piano piano dentro la ciotola con la crema di uova e zucchero che avete appena fatto e continuate a mescolare col frustino.
    Versate il latte molto lentamente altrimenti rischiate di rovinare la crema prima ancora di finirla.
  • Adesso potete setacciare la farina e unirla poco alla volta dentro la crema. Mescolate ancora il tutto.
  • A questo punto siamo quasi al termine dell’opera…
    Versate la crema ottenuta dentro la pentola con il latte fatto bollire in precedenza. Accendete il fuoco e fate portare ad ebollizione non dimenticando assolutamente di continuare a mescolare manualmente con un frustino o con qualcosa di simile, volendo anche un cucchiaio di legno.
  • Non appena bolle, abbassate la fiamma e continuate a mescolare altri per 2-3 minuti.
    Prendete quindi il mezzo bicchiere di latte messo da parte e aggiungetelo a filo dentro la pentola continuando a mescolare per bene per evitare di formare dei bruttissimi grumi.
    Versato tutto il latte, spegnete il fuoco perchè la vostra crema è finalmente pronta!
  • Lasciatela raffreddare e, per evitare che ci si formi sopra una pellicina, copritela con una pellicola trasparente.

Crema pasticcera

Ingredienti

  • Latte 500 ml
  • Uova 4 tuorli
  • Farina 50 g
  • Zucchero 100 g

Preparazione

In una casseruola mettete i 4 tuorli d’uovo, unite 4 cucchiai rasi di zucchero semolato e due cucchiai di farina bianca.
Con una frusta mescolate accuratamente sino ad ottenere il composto liscio e senza grumi.
Versate poi il latte freddo facendolo cadere a filo, continuando a mescolare.
Ponete la casseruola sul fuoco e portate all’ebollizione continuando a mescolare con la frusta, tenete sul fuoco per qualche istante quindi levate e versate la crema in una ciotola.
Lasciate raffreddare, mescolando ogni tanto affinchè non si solidifichi in superficie.
Una volta fredda può essere usata per le vostre preparazioni.

Consigli

Se volete profumare la crema pasticcera è possibile farlo con una scorza di limone oppure incorporando degli alcolici mescolando con una frusta prima che la crema si raffreddi.

Fasolari gratinati

Fasolari gratinati

http://ricette.giallozafferano.it/Fasolari-gratinati.html

Ingredienti

  • Fasolari 12
  • Pane tipo pugliese 100 gr
  • Prezzemolo tritato 2 cucchiai
  • Parmigiano Reggiano 50 gr
  • Pepe q.b.
  • Aglio 1 spicchio
  • Olio di oliva extravergine 2 cucchiai

Preparazione
Per preparare i fasolari gratinati aprite i fasolari da crudi, raccogliete la loro acqua durante l’apertura, staccateli dai gusci, che terrete da parte, e battete i molluschi con un batticarne.
Su di un tagliere con un coltello, tritate grossolanamente i fasolari e teneteli in una ciotola. Filtrate l’acqua raccolta e mettete tutto da parte.
Dedicatevi ora al ripieno: togliete la crosta al pane e tagliate la mollica a pezzi. Ponete la mollica in un mixer e tritatela quindi amalgamatela con il prezzemolo tritato, il parmigiano, l’aglio schiacciato e il pepe: mescolate bene con un cucchiaio, amalgamando il tutto con due cucchiai d’olio. Infine aggiungete un po’ alla volta il liquido dei fasolari, fino ad ottenere un composto cremoso. Con la carta stagnola create delle striscette che piegherete a cerchio e posizionerete sotto ogni guscio dei fasolari, a fare da supporto per stare dritti. Posizionate i gusci su di una leccarda ricoperta da un foglio di carta forno.
Ora aggiungete un cucchiaio di fasolari tritati in ogni guscio e ricoprite ognuno con un cucchiaio di composto di pane. Infornate a 200 ° per 25 minuti poi, trascorso questo tempo, alzate la temperatura al massimo e accendete il grill per 5 minuti fino a quando si formerà la crosticina dorata in superficie. I fasolari gratinati saranno pronti per essere portati in tavola!
Consiglio
Evitate di utilizzare il sale perché l’acqua dei fasolari è già saporita.

 

http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=253290
Ingredienti (per 3 o 4 persone)

  • 1 Kg. di fasolari (27 molluschi)
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • pangrattato (del mio pane)
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • sale (non l’ho messo in quanto ho sciacquato bene i molluschi con acqua e sale)
  • peperoncino (o pepe)

Procedimento

Ho spazzolato il guscio dei molluschi (quasi inutile, perché li avevo già tenuti in frigo per qualche ora in acqua e sale, nella centrifuga dell’insalata, come ho fatto qui), li ho lavati con acqua e sale, aperti, li ho staccati con un coltellino dalle due valve, ho eliminato il sacchetto nero della sabbia come suggerito nel video, ho riposizionato ogni mollusco su una mezza conchiglia, adagiandoli da subito in una teglia.
Ho mondato e tritato finemente il prezzemolo e l’aglio.
Li ho messi in una ciotola, ho aggiunto il pangrattato, il peperoncino, il vino e l’olio (eventualmente regolarsi con il vino o il pangrattato per correggere il composto, che dovrà risultare come una crema morbida).
Ho distribuito un cucchiaino abbondante di composto sopra ogni mollusco.
Ho spolverizzato con altro pangrattato e irrorato con un filo d’olio.

Cottura

Ho preriscaldato il forno a 200°C e cotto per 10 minuti + 2 o 3 minuti con grill acceso per far venire la crosticina.
Ho servito caldissimo.

Tiramisu alla ricotta

Tiramisù alla Ricotta

  1. http://www.galbani.it/ricette/tiramisu_con_ricotta.html
    6 persone
    Difficoltà Media
    Tempo 50 minuti

    Ingredienti:

    300 g di biscotti savoiardi
    300 g di Ricottina Light Santa Lucia Galbani
    3 uova
    75 g di zucchero semolato
    75 g di zucchero a velo vanigliato
    sale
    caffè zuccherato q.b.
    cacao amaro
    Preparazione:
    Per realizzare il tiramisù con ricotta dovrete prima di tutto lavorare in una capiente terrina la Ricottina Light Santa Lucia Galbani insieme allo zucchero semolato. Il tutto fino a dar vita ad una crema spumosa e senza grumi. Dopodiché aggiungete alla crema di ricotta i tuorli d’uovo, quindi lavorate il tutto con uno sbattitore elettrico.

    A questo punto mettete gli albumi in una ciotola abbastanza grande e montateli a neve ben ferma con un pizzico di sale. Quando gli albumi saranno quasi pronti aggiungete lo zucchero a velo vanigliato e terminate l’operazione finché gli albumi non saranno ben montati. Una volta pronti, incorporate con delicatezza gli albumi montati a neve alla crema di ricotta.

    Ora dedicatevi a preparare il caffè. Una volta pronto zuccheratelo come è di vostro gradimento. Quindi versate il caffè zuccherato in un piatto fondo e inzuppate al suo interno i biscotti.

    In una pirofila fate uno strato di savoiardi inzuppati. Quindi stendete sopra la base di biscotti una quantità generosa di crema alla ricotta. Proseguite la realizzazione del tiramisù con ricotta con un secondo strato di biscotti, uno di crema e così via fino a esaurimento degli ingredienti.

    Ad operazione conclusa coprite il vostro dolce al cucchiaio con un foglio di pellicola trasparente e mettetelo a compattare in frigorifero per un tempo di almeno 4 ore. Al momento di servirlo spolverizzate il dessert con il cacao amaro.

  2. http://imenudibenedetta.blogspot.com/2013/03/tiramisu-alla-ricotta.html
    Un tiramisù leggerissimo, preparato con la ricotta e lo yogurt al posto del mascarpone e aromatizzato con il classico caffè e una leggera nota di cannella. Un dolce molto buono ed ideale per completare il pasto senza troppi sensi di colpa!

    Puntata I Menu di Benedetta: 15 marzo 2013 (Menu Mediterraneo)

    Tempo preparazione e cottura: 20 min. ca.

    Ingredienti Tiramisù alla Ricotta per 4 persone:

    • 75 ml di caffe
    • cannella
    • 375 gr di ricotta
    • 225 gr di yogurt greco
    • 60 gr di zucchero a velo
    • biscotti pavesini
    • cacao

    Procedimento ricetta Tiramisù alla Ricotta di Benedetta Parodi

    Unire la cannella al caffè e mescolare.
    A parte mescolare la ricotta con lo zucchero a velo e lo yogurt formando una crema omogenea.
    Formare in una pirofila uno strato di pavesini bagnati col caffè, poi uno strato di crema.
    Proseguire fino ad esaurimento ingredienti terminando con crema.
    Mettere a riposare in frigo per qualche ora e spolverare con cacao prima di servire.

  3. http://it.wikibooks.org/wiki/Libro_di_cucina/Ricette/Tiramis%C3%B9_alla_ricotta
    Ingredienti
    Gli ingredienti sono per circa 4 porzioni

    • 200 g di ricotta freschissima
    • 1 uovo
    • 40 g (due cucchiai) di zucchero
    • 1 confezione di savoiardi
    • caffè (quantità variabile, indicativamente una tazzina e mezzo)
    • Mezzo bicchiere di Rhum, oppure Cognac.
    • cacao amaro in polvere q.b.

    Preparazione
    Rompere l’uovo separando tuorlo e albume. Porre il tuorlo in una scodella e montare separatamente l’albume.
    In un’altra ciotola lavorare bene la ricotta con lo zucchero, fino ad ottenere una crema soffice, quindi incorporare i tuorli e lavorare ancora in modo da eliminare i grumi schiacciandoli sul fondo della ciotola.
    Se lo si desidera, aggiungere il Rhum (o il Cognac).
    Aggiungere gli albumi montati a neve, mescolando dal basso verso l’alto per non farli smontare. A questo punto la crema dovrà risultare piuttosto spumosa.
    Preparare 4 coppe con i bordi un po’ alti, e sistemare in ognuna 2 savoiardi imbevuti di caffè, appoggiandoli alla parete delle coppa facendo in modo che rimangano “in piedi”.
    In alternativa, appoggiare i savoiardi in orizzontale sul fondo di un contenitore largo e piatto, inzupparli di caffè, ricoprirli con l’impasto. È possibile fare più strati di crema e savoiardi.
    Versarci la crema e spolverare col cacao amaro.
    Coprire con pellicola trasparente e mettere in frigo per 1-2 ore.
    varianti
    È possibile che il dolce risulti troppo “asciutto” per alcuni palati. In tal caso si può aggiungere del latte alla ricotta prima del tuorlo.
    Per insaporire, si può aggiungere della grappa alla ricotta.

  4. http://www.gustissimo.it/ricette/dolci-al-cucchiaio/tiramisu-light-issimo.htm

    Tiramisù light-issimo

    Ingredienti:

    • 400 gr. di savoiardi
    • 500 gr. di ricotta
    • 250 gr. di panna da montare
    • 4 cucchiai di zucchero
    • Cioccolato fondente in scaglie q.b.
    • 1 tazza di caffè
    • Cannella q.b.
    • 1 bustina di vanillina
    • Cacao amaro q.b.

    Preparazione:
    Preparate il caffè e lasciatelo raffreddare (1 tazza dovrebbe bastarvi).
    Iniziate a lavorare la ricotta unendola allo zucchero e impregnandola di vanillina e cannella. Mescolate fino all’ultimo grumo per ottenere una crema liscia. Affogate dentro qualche scaglia di cioccolato fondente.
    A parte, montate la panna e amalgamatela alla crema di ricotta.

    Prendete una pirofila rettangolare e, con il composto di ricotta e panna, formate un primo strato sottile.
    Su questo letto potrete iniziare a sdraiare i savoiardi dopo averli impregnati leggermente di caffè. Fatto il primo strato, coprite con la crema e ripetete fino all’ultimo savoiardo. Completate la superficie con uno strato di crema sul quale spolverate a tappeto il cacao amaro. Guarnite con altre scaglie di cioccolato, coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigorifero per almeno 3 ore.

    Accorgimenti:
    Ecco alcuni utili consigli:
    – Per lavorare meglio la ricotta, potete sostituire lo zucchero normale con quello al velo, così da ottenere un composto più cremoso e omogeneo.
    – Il caffè deve essere amaro, dal momento che i savoiardi sono già zuccherati. Vi consigliamo inoltre di allungarlo un po’ con dell’acqua o latte, altrimenti il sapore del caffè risulterà troppo concentrato.
    – I savoiardi dello strato più basso devono essere meno inzuppati di caffè rispetto a quelli disposti in superficie, in quanto il liquido tenderà poi a scendere.
    – Optate per una ricotta light, in genere più liscia e facile da lavorare, oltre che più leggera.

    Idee e varianti:
    Questo tiramisù light-issimo rimane squisito anche sostituendo i savoiardi con i classici biscotti secchi.
    Per i più sfiziosi, Gustissimo consiglia qualche goccia di marsala, rhum o brandy da versare nella crema di ricotta. Se non siete caffeinomani, l’alternativa è il caffè d’orzo o il decaffeinato.
    Guarnite con qualche fogliolina di menta o fragoline.

  5. http://www.tortealcioccolato.com/2011/06/26/tiramisu-ricotta/
    Ingredienti

    • 300 gr. ricotta
    • 75 gr. zucchero a velo
    • 75 gr. zucchero semolato
    • 3 uova
    • 300 gr. savoiardi
    • caffè già zuccherato
    • cacao amaro in polvere

    Preparazione
    Con lo sbattitore o nel robot da cucina lavorare la ricotta con lo zucchero semolato, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere i tuorli, uno alla volta, continuando a sbattere dopo ogni aggiunta.
    Montare gli albumi a neve e quando sono quasi al punto giusto aggiungere anche lo zucchero a velo. Incorporare quindi gli albumi montati a neve con lo zucchero alla crema di ricotta, delicatamente, aiutandosi con un cucchiaio di metallo.
    Preparare la teglia rettangolare e iniziare a bagnare i savoiardi nel caffè, formare un primo strato e ricoprirli con la crema alla ricotta e a piacere con una spolverata leggera di cacao.
    Continuare a stratificare, concludendo con la crema e dando un’abbondante spolverizzata di cacao amaro alla fine. Lasciar riposare in frigo prima di servire.

Pasta asparagi e cipolle

Far appassire la cipolla nell’ olio con un cucchiaio di brodo.
Poi unire gli asparagi puliti e tagliati, un po’ di pepe, un pizzico di sale (grosso) e un mestolo di brodo.
Cuocere a fuoco medio e con il coperchio per almeno 10 minuti, ma prolungare la cottura se necessario.
Saltare la pasta cotta nella padella del condimento e servire con un filo di olio e una spolverata di pepe.

http://www.lospicchiodaglio.it/ricetta/pasta-asparagi-cipolle

Ricette per la gallinella

http://www.mangiarebene.com/ricette/pesce/pesce-di-mare/gallinella-di-mare-alla-maniera-dei-marinai_IDa_2019.htm

Gallinella di mare alla maniera dei marinai

Ingredienti

Per 4 persone
1,6 kg di gallinella di mare
pomodori molto maturi
cipolla
olio di oliva
sale e pepe
vino bianco
Ci piace con…
Sauvignon

Procedimento

Tritate finemente una cipolla, fatela rosolare in padella, indi aggiungete il pesce. Spruzzatelo col vino bianco e lasciatelo evaporare.
Aggiungete i filetti di pomodoro, sale, pepe e un poco d’acqua e fate andare a fuoco lento per circa 30 minuti.

http://www.petitchef.it/ricette/gallinella-alla-maniera-dei-marinai-fid-338687

Gallinella ” alla maniera dei marinai”

Procedimento

In una pentola antiaderente, mettere tutto a freddo.

Adagiare la gallinella nell’ olio, salare, due pezzetti di cipolla, uno spichio d’aglio, un pezzetto di peperoncino, poi unire i pomidorini tagliati a metà, un cucciaio di aceto, un pò di vino bianco, prezzemolo tritato fine.

Per dare al sugetto quel bel colorito, io metto una punta di concentrato di pomodoto.
Far cuocere per circa 20° a pentola coperta.

http://www.petitchef.it/ricette/portata-principale/filetto-di-gallinella-al-limone-fid-978648

Filetto di gallinella al limone

Ingredienti

Filetti di gallinella (1 a persona)
1 spicchio d’aglio
prezzemolo
succo di limone (1 limone ogni due filetti)
olio
sale

Preparazione

Prepariamo i filetti di pesce tagliandoli con un coltello ben affilato, in tre strisce nel senso della lunghezza lasciandole attaccate dalla parte della coda, incrociamole tra loro a mò di treccia.
Prepariamo una padella con olio e prezzemolo e aglio tritati, appena sfrigola aggiungiamo i filetti cercando di non disfare la treccia formata, li giriamo da ambo i lati e aggiungiamo il succo di limone, cuociamo scoperto il tempo che si restringa il succo e formi questo sughetto delizioso.
Accompagniamo con insalata, pomodori, o patate fritte.
Ottimi per l’estate anche freddi.

http://www.petitchef.it/ricette/portata-principale/zuppetta-light-di-gallinella-fid-1375038

Zuppetta light di gallinella

Ingredienti

1 gallinella da porzione
1 carota
1 piccolo scalogno
1 spicchio d’aglio
4 pomodorini di Pachino
1 patata piccola
5 o 6 olive taggiasche
1 foglietta di alloro
2 cucchiaiate di olio extravergine di oliva
1 mestolo di brodo vegetale
sale
pepe

Preparazione

Sbollentare i pomodorini dopo aver fatto su ognuno un taglio a croce; spellarli, tagliarli in quarti, eliminare i semi.
Sbucciare la patata, tagliarla a cubetti e sbollentarli per 10 minuti.
Raschiare la carota e tagliarla a tocchetti, snocciolare le olive taggiasche.
In un tegame versare l’olio e soffriggervi lo scalogno finemente tritato e l’aglio intero ma leggermente schiacciato. Togliere l’aglio quando comincia a dorarsi, aggiungere il pesce, irrorare con il vino e farlo evaporare. Aggiungere a questo punto pomodoro, le carote, le olive, la patata, la foglia di alloro e irrorare con il brodo caldo. Portare a cottura (15 minuti circa). Regolare di sale, togliere la foglia di alloro, profumare con una macinata di pepe e servire.

http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=33834

Gallinella Al Forno

Pochi ingredienti… …che lasciano emanare al pesce tutta la sua bontà….e facilmente reperibili in casa:
Patate – pomodorini – rosmarino – 2 fette di limone – olio extravergine di oliva – il succo di un’arancia (facoltativo) – un bicchiere di vino bianco – sale e pepe.

Mettere la gallinella in una teglia da forno, io preferisco rivestirla di alluminio per sporcarla di meno, con le due fette di limone al posto delle branchie e un filo di olio sottostante. Aggiungere le patate tagliate a fettine, qualche pomodorino a metà, ciuffetti di rosmarino. Salare e pepare, irrorare ancora con un po’ di olio e il succo dell’arancia (questa una variante escogitata al momento…), e versare il vino bianco sul fondo della teglia.
Se usate l’alluminio potete chiudere il cartoccio per i primi venti minuti di cottura, ricordarsi di riaprirlo a metà cottura….
Cuocere in forno caldo a 200° per il tempo necessario, dipende dalla grandezza del pesce. Questa ha cotto un’oretta scarsa…si calcola mediamente 20 minuti a kilo.
Lo spessore delle fettine di patate dipende dal tempo di cottura impostato, per cui se ho un pesce che cuoce in fretta taglierò le patate molto sottili per averle pronte insieme al pesce…
Servire irrorando la polpa col sughino di cottura. Ho aggiunto come contorno una semplice insalata russa fatta col Bimby… …e un’insalata di radicchio rosso di Verona e molesini a parte.